Chi siamo

Chi siamo
Siamo amici.

Tra le cose che abbiamo in comune, la convinzione che ognuno realizzi naturalmente se stesso nella relazione con gli altri e che la qualità di vita sia effetto anche del valore dei legami interpersonali.

Pensiamo che coltivare rapporti in modo etico, consapevole e rispettoso, sia l’opportunità per potenziare noi stessi, liberare energie e creatività, ed avvicinarci alla comprensione del significato più autentico della nostra esistenza.

Siamo interessati al cambiamento inteso come capacità di superare la limitatezza del punto di vista di ciascuno per aprirsi ad una percezione diversa ed altruistica di noi stessi e del mondo.

Da queste considerazioni condivise nasce iKairos, un’Associazione di promozione sociale presente su tutto il territorio nazionale e con sede a Roma.

Perchè iKairos

Per gli antichi Greci Kairos è il tempo giusto, quello opportuno, quello indeterminato e indefinito in cui ci accade qualcosa di speciale.
Laddove Aion è l’eternità e Kronos il tempo che scorre e si consuma, Kairos è il tempo propizio, il tempo di valore, l’occasione da cogliere nelle persone e nelle circostanze per vivere il presente con consapevolezza.

In iKairos, il tempo impiegato nell’incontro e nella relazione è quello più autentico, quello di maggiore qualità, speso per riconoscere ed immergersi nella complessità del reale e prestare attenzione agli altri.

Il manifesto di iKAIROS

L’Associazione si pone l’obiettivo di creare una comunità aperta di persone, che desiderano vivere pienamente e consapevolmente la propria esistenza e che mirano ad un equilibrio personale e collettivo.
La convinzione centrale è che ogni persona, nella sua unicità e specialità, può tendere, se vuole, a un continuo progresso personale e mentale. Perché questo accada, e perché accada con una maggiore probabilità di successo, va riacceso l’interesse e l’orientamento alla socialità, alla mutualità, alla solidarietà, all’altruismo.
La cultura del consumismo, del performismo, dell’individualismo, dell’apparenza, scardina e mortifica il merito, la qualità dei rapporti, il vivere civile, il rispetto intelligente delle regole, la bellezza delle diversità, la cultura della mediazione come ricomposizione e rinnovamento di interessi di parte.
Per questo, l’Associazione confida in un semplice assunto: aiutare, affiancare, dispensare vicinanza, mettere a disposizione la propria esperienza, può diventare una scelta di ogni persona che voglia fare la propria parte per rendere il proprio mondo più bello, più giusto, più evoluto.
Dedicare tempo di qualità ad un’altra persona, specie se non fa parte di uno scambio conveniente o dovuto, può diventare la piccola grande rivoluzione, discreta e silenziosa, di tante persone per-bene, che vogliono credere, sognare, desiderare e sperare.

 

“Chi regala le ore agli altri vive in eterno”

[Alda Merini]

Allegato A
STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE iKairos


DENOMINAZIONE ‐ SEDE ‐ DURATA

Articolo 1

È costituita, ai sensi della legge 383/2000, l’Associazione nazionale di promozione sociale denominata iKairos (da ora in poi Associazione). L’Associazione non ha scopo di lucro e persegue il fine esclusivo della solidarietà sociale, umana, civile, culturale a favore degli associati.

Articolo 2

L’Associazione ha sede in Roma, Piazza Ippolito Nievo 1, e può istituire o chiudere sedi secondarie o sezioni locali anche in altre città d’Italia o all’estero mediante delibera del Consiglio Direttivo. La sede nazionale può essere trasferita con semplice delibera di Assemblea senza necessità di modifica del presente statuto.

L’Associazione è disciplinata dal presente Statuto e dagli eventuali regolamenti che, approvati secondo le norme statutarie, si rendessero necessari per meglio regolamentare specifici rapporti associativi o attività.

L’attività degli associati è svolta prevalentemente a titolo gratuito. È ammesso il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate per lo svolgimento delle attività nei limiti fissati dall’Assemblea dei soci. L’Associazione, in casi di particolare necessità, potrà assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati.

Per il perseguimento dei propri scopi l’Associazione potrà inoltre aderire anche ad altri organismi di cui condivide finalità e metodi, promuovere iniziative per raccolte di fondi al fine di reperire le risorse finanziarie finalizzate solo ed esclusivamente al raggiungimento dell’oggetto associativo.

L’Associazione potrà adottare le procedure previste dalla normativa per l’ottenimento della personalità giuridica ed il riconoscimento d’ente morale attraverso specifica delibera dell’Assemblea dei soci.

Articolo 3

La durata dell’Associazione è illimitata.


OGGETTO

Articolo 4

L’Associazione ha per scopo:

  • la creazione di relazioni di mentoring* e l’istituzione di una piattaforma atta a supportarle e organizzarle;
  • la promozione dell’inclusione sociale, del benessere della persona nel suo ambiente di vita, delle opportunità lavorative attraverso l’elaborazione, la promozione e la realizzazione di progetti di solidarietà sociale e di valenza formativa, culturale, artistica;
  • l’attività di ideazione, progettazione, ricerca, organizzazione, realizzazione e promozione di eventi, attività formative, corsi nazionali e locali, finalizzati a sviluppare le potenzialità dell’individuo e a favorire rapporti interpersonali;
  • la promozione, progettazione, gestione, organizzazione, supervisione scientifica e coordinamento di attività formative e di aggiornamento professionale per il personale della scuola e delle comunità scolastiche in generale (studenti, docenti, dirigenti, famiglie, personale ATA), volte al miglioramento umano, personale e professionale, a supporto o in collaborazione, esecutiva o progettuale, con le Istituzioni scolastiche autonome, statali e paritarie, Università e centri di ricerca, statali e privati ed il MIUR nelle sue diramazioni centrali e periferiche;
  • la promozione di attività culturali, formative e ricreative, di supporto a giovani e adulti nei poliedrici aspetti delle manifestazioni umane e

*Il Mentoring è una metodologia nella relazione di aiuto che si instaura tra persone che hanno maggiore (Mentor) o minore (Mentee) esperienza in un determinato ambito.

L’Associazione promuove il pieno sviluppo e la formazione completa della persona attraverso attività volte ad offrire gli strumenti necessari alla comprensione ed interpretazione delle complessità personali, umane, sociali. Insieme alla formazione personale, promuove la cultura, la solidarietà, la partecipazione, lo studio, la ricerca, lo sviluppo e la realizzazione di manifestazioni, di interventi e servizi, di attività culturali, sociali, artistiche, teatrali, ecologico‐ambientali, educative, sportive, ludico‐ricreative, informative e di formazione professionale, attraverso seminari, incontri, corsi, lezioni e azioni di specializzazione, addestramento e aggiornamento di gruppi, comunità e individui.

L’Associazione contribuisce a vario titolo all’arricchimento dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche autonome, al fine di supportarle nei processi di miglioramento, volti a rispondere ai cambiamenti della società della conoscenza e della complessità anche attraverso la diffusione ed il potenziamento delle soft skills in tutti i membri delle comunità scolastiche.

L’Associazione contribuisce a favorire processi inclusivi nell’ambito sociale, culturale, scolastico, lavorativo, promuovendo capacità e stili comportamentali volti al benessere della persona. Persegue, inoltre, lo sviluppo economico, sociale e territoriale nel settore della cultura e dei servizi attraverso la realizzazione dei propri scopi sociali.

L’Associazione si propone come specifica realtà di aggregazione delle diverse fasce della popolazione: minori, giovani, adulti e anziani.

L’Associazione partecipa, quale promotrice o partner di rete, a progetti specifici, che possono essere gestiti anche per conto di enti pubblici e/o privati in regime di convenzione.

In particolare, nell’ambito della normativa vigente, l’Associazione persegue il proprio oggetto sociale – nell’interesse della comunità e nell’ottica della promozione umana e dell’integrazione sociale dei cittadini– attraverso attività e interventi finalizzati a:

  • sostenere nuove forme di aggregazione giovanile e degli adulti (nell’ottica del long life learning) formale, non formale e informale;
  • promuovere lo sviluppo della creatività attraverso i processi di crescita e formazione professionale di minori, giovani e adulti;
  • promuovere l’avviamento al lavoro dei giovani, il sostegno alle comunità giovanili nei vari ambiti dei settori socio‐culturali, artistici, sportivi e sanitari, prevedendo una specifica attenzione a logiche inclusive;
  • favorire la pratica, la diffusione e la promozione della cultura teatrale e la ricerca sul piano culturale ed artistico per una piena e completa valorizzazione delle professionalità di nuovi attori e interpreti, in un contesto di sperimentazione delle nuove forme di spettacolo e delle arti visive;
  • patrocinare, promuovere, sviluppare e gestire attività, manifestazioni e iniziative con altre Associazioni, Enti e Organizzazioni italiane o estere per svolgere attività comuni volte a stimolare e promuovere il dibattito su tematiche formative, culturali, artistiche, teatrali, ricreative e sociali, del tempo libero, del lavoro, della salute, ambientali, storiche, turistiche, sportive, progettuali, curando in particolare l’informazione e la formazione dei cittadini, in particolare dei giovani, ed esercitando direttamente una funzione di stimolo nei confronti di Amministrazioni Pubbliche, Enti Locali e Organizzazioni con competenze nei diversi settori di interesse dell’Associazione;
  • promuovere le competenze di progettazione in risposta a bandi comunali, regionali, nazionali, europei ed extraeuropei; promuovere l’acquisizione delle competenze trasversali (soft skills) sia nel mondo della scuola che nel mondo del lavoro;
  • sviluppare, trasformare, utilizzare, assemblare prodotti, servizi, manifestazioni, spettacoli e iniziative nel settore teatrale, tradizionale, culturale, educativo, sportivo, ludico, artistico, ecologico, ambientale, storico, scolastico, extrascolastico, assistenziale, sociale, turistico;
  • istituire, promuovere e gestire corsi di formazione professionale, di qualificazione e riqualificazione, aggiornamento, accompagnamento, addestramento e specializzazione finalizzati ad offrire un ventaglio di opportunità di crescita umana, sociale e professionale attraverso l’acquisizione di competenze (sapere, saper essere e saper fare), anche in un’ottica di formazione continua, e finalizzate a cogliere opportunità di lavoro;
  • sostenere e promuovere la formazione dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado nei seguenti

ambiti trasversali:

  • la didattica e le metodologie;
  • l’implementazione di metodologie e attività laboratoriali;
  • l’innovazione didattica e la didattica digitale;
  • la didattica per competenze e lo sviluppo di competenze trasversali (soft skills);
  • gli apprendimenti;
  • sostenere e promuovere la formazione dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado nei seguenti

ambiti specifici:

  • l’orientamento e la dispersione scolastica;
  • ipotesi per la soluzione di problemi della valutazione individuale e di sistema;
  • azioni di supporto ai bisogni individuali e sociali dello studente;
  • l’Alternanza Scuola Lavoro;
  • l’inclusione scolastica e sociale;
  • percorsi di dialogo interculturale e interreligioso;
  • la gestione della classe e delle problematiche relazionali;
  • la cittadinanza attiva e la legalità;
  • la conoscenza e il rispetto della realtà naturale e ambientale;
  • la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • lo sviluppo della cultura digitale e l’educazione ai media;
  • la didattica delle singole discipline previste dagli ordinamenti;
  • attività di educazione alla cultura economica;
  • lo sviluppo delle competenze di progettazione;
  • promuovere e supportare la didattica e l’apprendimento attraverso la realizzazione di percorsi da rivolgere a Scuole di ogni ordine e grado (dalle Scuole dell’Infanzia alle Università);
  • realizzare percorsi di Alternanza Scuola Lavoro da rivolgere agli studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado;
  • realizzare iniziative al contrasto della dispersione, dell’abbandono e dell’insuccesso scolastico e a supportare l’orientamento;
  • promuovere le finalità dell’Associazione anche attraverso la diffusione della sua conoscenza, attraverso attività convegnistiche e seminariali (convegni, studi ed incontri di scambio tra enti pubblici e privati e singoli operatori in ambito artistico, culturale, sociale ed economico; manifestazioni, quali rassegne, festival, scambi con l’estero, progetti speciali);
  • svolgere attività di studio, ricerca e sperimentazione, esposizione; documentazione, pubblicazione e divulgazione nel campo della formazione umana, psicologica, artistica, dei beni culturali e scientifici, nonché ogni altra iniziativa atta a favorire la conoscenza e il sapere, nonché la realizzazione di sistemi di informazione;
  • promuovere l’utilizzo e l’impegno dei mezzi di comunicazione unidirezionali e interattivi, finalizzati all’ideazione, realizzazione e produzione di dépliant, manifesti, brochure, guide, libri e giornali aventi carattere culturale, scientifico, storico, economico, settoriale; la realizzazione di video, film, dischi, pubblicazioni, siti internet, spettacoli teatrali ed ogni altro mezzo per far conoscere e valorizzare l’immagine dell’Associazione, le attività da essa realizzate, studi e sperimentazioni;
  • promuovere e gestire, in proprio o per conto di terzi, attività formative di qualificazione e riqualificazione, orientamento e bilanciamento delle competenze, aggiornamento e addestramento, formazione a distanza, master, specializzazione attraverso l’acquisizione di competenze (sapere, saper essere e saper fare), didattiche, di studio e ricerca e quant’altro necessario e utile a favorire lo sviluppo delle capacità e l’acquisizione di nuove competenze e saperi in ambito umano, professionale, culturale e artistico dei partecipanti.

In sintesi, l’Associazione può:

  1. promuovere e realizzare iniziative assistenziali, formative, culturali, spirituali, scientifiche didattiche ed artistiche;
  2. organizzare e promuovere convegni, dibattiti, seminari di studio e approfondimento, corsi e manifestazioni, in ambito educativo;
  3. sviluppare attività di studio, ricerca e assistenza;
  4. promuovere e curare direttamente o indirettamente la redazione e l’edizione di siti web, riviste, forum, libri, testi, giornali periodici, dispense, notiziari e indagini attraverso ogni mezzo di comunicazione sociale;
  5. agire per il riconoscimento dell’attività e del ruolo di Mentor;
  6. promuovere, con enti pubblici o privati e intraprendere e gestire direttamente o tramite terzi, ogni iniziativa finalizzata al conseguimento degli scopi dell’Associazione.

L’Associazione può svolgere tali attività anche in collaborazione o in partecipazione con altri enti, società o organizzazioni nazionali o internazionali che abbiano analoghe finalità. L’Associazione si avvale di ogni strumento utile al raggiungimento degli scopi sociali ed in particolare della collaborazione con gli Enti anche locali, altresì attraverso la stipula di apposite convenzioni, della partecipazione ad altre associazioni, società o organismi aventi scopi analoghi o connessi ai propri. L’Associazione può inoltre svolgere qualsiasi altra attività culturale o ricreativa per il migliore raggiungimento dei propri fini. L’Associazione può, esclusivamente per scopo di autofinanziamento e senza fine di lucro, esercitare le attività marginali previste dalla legislazione vigente.

L’Associazione è aperta a chiunque condivida principi di solidarietà. 


SOCI

Articolo 5

Possono far parte dell’Associazione tutti coloro che, avendo compiuto il 18° anno di età, si riconoscono nello Statuto ed intendono collaborare per il raggiungimento dello scopo sociale. Possono chiedere di essere ammessi come soci sia le persone fisiche sia le persone giuridiche, sia le associazioni di fatto, mediante invio di domanda scritta, anche in forma digitale e informatica, sulla quale decide il Consiglio Direttivo anche attraverso singoli consiglieri a ciò delegati.

Non è ammessa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa, il mantenimento della qualifica di socio è subordinato al pagamento della quota associativa annuale nei termini prescritti dall’Assemblea.

I soci dell’Associazione credono nel capitale delle relazioni umane e nel potenziale costruttivo dei rapporti basati sul principio dell’altruismo e della solidarietà e su tale presupposto fondano la propria attività.

I soci possono essere:

Soci Fondatori
Sono Soci Fondatori le persone fisiche o giuridiche che hanno firmato l’atto costitutivo e quelli che successivamente e con delibera del Consiglio Direttivo saranno ammessi con tale qualifica in relazione alla loro fattiva opera a vantaggio dell’Associazione.

Soci Ordinari
Sono Soci Ordinari le persone fisiche o giuridiche che aderiscono all’Associazione, versando una specifica quota definita dal Consiglio Direttivo.

Soci Onorari
Sono Soci Onorari le persone fisiche e giuridiche e gli enti che abbiano acquisito particolari meriti per la loro opera a favore dell’Associazione o per coloro che rilevino eventuali impedimenti di natura normativa o regolamentare (es: vincoli di natura professionale o confessionale) Questi soci hanno diritto di voto consultivo in Assemblea.

Soci Sostenitori
Sono Soci Sostenitori tutti coloro che contribuiscono agli scopi dell’Associazione con intento filantropico mediante conferimento di contributi in denaro o in natura o prestazioni professionali di specifico rilievo per le finalità dell’associazione. Questi soci hanno diritto di voto consultivo in Assemblea.

Articolo 6

Gli associati sono tenuti ad osservare le disposizioni statutarie e regolamentari nonché le direttive e le deliberazioni che nell’ambito delle disposizioni medesime sono emanate dagli organi dell’Associazione. I soci hanno diritto a partecipare alle attività dell’Associazione e ad indirizzarne con metodo democratico le attività e linee guida attraverso l’articolazione organizzativa definita dal presente statuto e successivi regolamenti. Essi hanno il diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi. I Soci hanno l’obbligo di pagare la quota associativa deliberata dal Consiglio Direttivo.

Articolo 7

La qualità di socio, per sua natura non trasferibile, si perde per:

  • mancato pagamento delle quote sociali: la decadenza avviene su decisione del Consiglio Direttivo trascorsi tre mesi dal mancato versamento della quota sociale annuale;
  • dimissioni: ogni socio può recedere dall’Associazione in qualsiasi momento dandone comunicazione scritta al Consiglio Direttivo; tale recesso avrà decorrenza immediata. Resta fermo l’obbligo per il pagamento della quota sociale per l’anno in corso;
  • esclusione: il Consiglio Direttivo delibera l’esclusione, previa contestazione degli addebiti e sentito il socio interessato se richiesto dallo stesso. Perdono la qualità di socio per esclusione coloro che si rendono colpevoli di atti e comportamenti scorretti o illeciti che costituiscono violazione delle norme statutarie e/o regolamenti interni o siano tali da incrinare il rapporto di fiducia con l’associazione.

Il Socio può far appello all’Assemblea entro 30 giorni. È comunque ammesso ricorso al giudice ordinario. Gli associati che abbiano comunque cessato di appartenere all’Associazione non possono richiedere i contributi versati e non hanno alcun diritto sul patrimonio dell’Associazione stessa. La quota associativa è personale, non è rimborsabile e non può essere trasferita a terzi o rivalutata.


RISORSE ECONOMICHE

Articolo 8

Le risorse economiche per il conseguimento degli scopi ai quali l’Associazione è rivolta e per sopperire alle spese di funzionamento dell’Associazione saranno costituite:

  1. dalle quote sociali annue stabilite dal Consiglio Direttivo Nazionale;
  2. da eventuali proventi derivanti da attività associative (manifestazioni e iniziative);
  3. da ogni altro contributo, compresi donazioni, lasciti e rimborsi dovuti a convenzioni, che provengano da soci, non soci, enti pubblici o privati, per il raggiungimento dei fini dell’Associazione;
  4. contributi di organismi nazionali o

Anche nel corso della vita dell’Associazione i singoli associati non possono chiedere la divisione delle risorse comuni.

I proventi delle attività, gli utili e avanzi di gestione, nonché fondi, le riserve o il capitale non verranno distribuiti, neanche in modo indiretto, durante la vita dell’organizzazione salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposti per legge: pertanto saranno portati a nuovo, capitalizzati e utilizzati per lo svolgimento delle attività istituzionali ed il raggiungimento dei fini perseguiti dall’Associazione.

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Articolo 9

Sono organi dell’Associazione:

  1. l’Assemblea dei soci;
  2. il Consiglio Direttivo;
  3. il Presidente;
  4. i Vicepresidenti;
  5. il Collego dei Probiviri (facoltativo);
  6. il Collegio dei Revisori (facoltativo);
  7. il Segretario;
  8. il Tesoriere.

Tutte le cariche sono elettive e rispettano il principio delle pari opportunità fra donne e uomini. Tutte le cariche elettive sono prestate a titolo gratuito: è ammesso il solo rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate, secondo quanto stabilito dai regolamenti operativi definiti dal Consiglio Direttivo.


ASSEMBLEA DEI SOCI

Articolo 10

L’Assemblea regolarmente costituita rappresenta l’universalità degli associati e le sue deliberazioni, prese in conformità alla legge ed al presente statuto, obbligano tutti gli associati. L’Assemblea può essere ordinaria e straordinaria.

L’Assemblea è il massimo organo sovrano deliberante ed opera per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione. In caso di necessità può essere eventualmente articolata in assemblee territoriali e nazionale secondo il regolamento interno dell’Associazione. In particolare l’Assemblea ha il compito di:

  1. ratificare l’entità delle quote sociali annue stabilite dal Consiglio Direttivo;
  2. approvare il bilancio consuntivo;
  3. deliberare sulle modifiche dello Statuto dell’Associazione e sull’eventuale scioglimento dell’Associazione stessa;
  4. deliberare su ogni altro argomento che il Consiglio Direttivo vorrà ad essa sottoporre e che si ritenga necessario al raggiungimento delle finalità sociali dell’Associazione.

Articolo 11

L’Assemblea ordinaria è convocata presso la sede sociale o altrove purché nel territorio nazionale almeno una volta l’anno entro il mese di giugno.

Essa deve inoltre essere convocata ogni qualvolta ciò venga richiesto dal Presidente dell’Associazione, da 1/3 dei membri del Consiglio Direttivo o da almeno 1/5 dei soci. In questi casi viene definita straordinaria.

La convocazione è fatta dal Presidente dell’Associazione o da persona a ciò delegata, mediante comunicazione raccomandata spedita agli associati o consegnata a mano almeno cinque giorni prima della data della riunione o mediante affissione dell’avviso di convocazione all’albo dell’Associazione presso la sede o sui social network ufficiali dell’Associazione almeno cinque giorni prima della data della riunione, o a mezzo posta elettronica. Nella convocazione dovranno essere specificati l’ordine del giorno, la data, il luogo della riunione fisica o virtuale e l’ora dell’adunanza, sia di prima che di eventuale seconda convocazione. L’Assemblea può essere convocata in seconda convocazione nello stesso giorno della prima convocazione.

Articolo 12

Hanno diritto di intervenire all’Assemblea i soci in regola con il versamento della quota sociale. Essi possono farsi rappresentare da altro socio mediante delega scritta. Non sono ammesse più di 5 deleghe alla stessa persona. Spetta al Presidente dell’Assemblea constatare la regolarità delle deleghe. Il Consiglio può avere la facoltà di individuare soluzioni tecnologiche ed economicamente sostenibili, per favorire la partecipazione da remoto dei soci impossibilitati a presenziare fisicamente all’Assemblea.

Articolo 13

Ogni socio ha diritto ad un voto ed è soggetto di elettorato attivo e passivo. Le deliberazioni dell’Assemblea in prima convocazione sono prese a maggioranza di voti e con la presenza fisica, telematica o per delega di almeno la metà degli associati.

I voti dei soci con diritto di voto consultivo vengono contati e verbalizzati e non rientrano nel conteggio dei voti necessari alle deliberazioni dell’Assemblea. In seconda convocazione le deliberazioni sono valide a maggioranza qualunque sia il numero degli intervenuti. Nel conteggio della maggioranza dei voti non si tiene conto degli astenuti.

Per la modifica del presente statuto o per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del suo patrimonio occorre il voto favorevole di almeno il sessanta per cento degli associati intervenuti sia in prima che in seconda convocazione e il parere favorevole del Consiglio Direttivo.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione o in sua assenza dal Vicepresidente o, in assenza di quest’ultimo, da un membro del Consiglio Direttivo designato dalla stessa Assemblea.

Le funzioni di segreteria sono svolte dal Segretario dell’Associazione o in seconda battuta da persona nominata dall’Assemblea.

I verbali dell’Assemblea saranno redatti dal segretario dell’Assemblea, e firmati dal Presidente e dal Segretario stesso.

Le decisioni prese dall’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, impegnano tutti i soci sia dissenzienti che assenti.

Ogni socio ha diritto di consultare il verbale dei lavori redatto dal segretario dell’Assemblea e sottoscritto dal Presidente; ha diritto di informazione e di controllo così come stabilito dalle leggi; ha diritto di accesso ai documenti, delibere, bilanci, rendiconti e registri dell’Associazione.


CONSIGLIO DIRETTIVO

Articolo 14

Il Consiglio Direttivo è composto da un numero di membri non inferiore a tre e non superiore a nove, incluso il Presidente, che è eletto direttamente dall’Assemblea.

L’Assemblea elegge il Consiglio Direttivo, determinando di volta in volta il numero dei componenti, su proposta del Presidente dell’Assemblea. È riconosciuto al Consiglio Direttivo il potere di cooptare altri membri fino ad un massimo di quattro.

Il Consiglio Direttivo ha il compito di attuare le direttive generali stabilite dall’Assemblea, e di promuovere ogni iniziativa volta al conseguimento degli scopi sociali. Al Consiglio Direttivo compete inoltre di assumere tutti i provvedimenti necessari per l’amministrazione ordinaria e straordinaria, l’organizzazione e il funzionamento dell’Associazione, l’eventuale assunzione di personale dipendente; di predisporre il bilancio dell’Associazione, sottoponendolo poi all’approvazione dell’Assemblea; di stabilire le quote annuali dovute dai soci e i contributi, a carico dei soci, per la partecipazione a iniziative di formazione. Ha la facoltà di decidere l’affiliazione o la cancellazione dell’Associazione a enti, comitati e altre associazioni per il raggiungimento dei fini associativi.

Il Consiglio Direttivo può istituire comitati operativi, tecnici e scientifici determinandone la durata, le modalità di funzionamento e gli obiettivi.

Il Consiglio Direttivo può demandare ad uno o più consiglieri lo svolgimento di determinati incarichi e delegare a gruppi di lavoro lo studio di problemi specifici.

Articolo 15

Il Consiglio Direttivo nomina tra i suoi membri uno o due Vicepresidenti, il Tesoriere e il Segretario.

Sarà in facoltà del Consiglio Direttivo preparare e stilare un apposito regolamento interno che, conformandosi alle norme del presente statuto, dovrà regolare il funzionamento dell’Associazione. Detto regolamento dovrà essere sottoposto per l’approvazione all’Assemblea ordinaria o straordinaria.

Articolo 16

I membri del Consiglio Direttivo durano in carica quattro anni e sono rieleggibili

Se vengono a mancare uno o più consiglieri, il Consiglio Direttivo Nazionale provvede a sostituirli nominando al loro posto il socio o i soci che dagli esiti dell’ultima elezione assembleare risultano occupare le posizioni più alte nella graduatoria degli esclusi, rispettando l’ordine della stessa.

In ogni caso i nuovi consiglieri scadono contemporaneamente a quelli che sono in carica all’atto della loro nomina.

Se vengono a mancare consiglieri in numero superiore alla metà, il Presidente deve convocare l’Assemblea per nuove elezioni.

Articolo 17

Il Consiglio Direttivo si raduna di norma mensilmente, su invito del Presidente e comunque ogniqualvolta se ne ravvisi l’esigenza o l’opportunità.

Ogni membro del Consiglio Direttivo dovrà essere invitato alle riunioni con un preavviso di almeno sette giorni; solo in caso di urgenza il Consiglio Direttivo potrà essere convocato con un preavviso di sole ventiquattro ore. La convocazione della riunione può essere fatta a mezzo lettera raccomandata, o da consegnare a mano, a mezzo fax, posta elettronica, pubblicazione su ambienti informatici, compresi i social network. L’avviso di convocazione deve indicare gli argomenti posti all’ordine del giorno.

Articolo 18

Per la validità della riunione del Consiglio Direttivo è necessaria la presenza di almeno il 50% dei componenti dello stesso. La presenza e la partecipazione dei componenti possono avvenire anche attraverso conferenza telefonica o mediante collegamento informatico.

La riunione è presieduta dal Presidente dell’Associazione o, in caso di sua assenza dal Vicepresidente o in assenza di quest’ultimo da altro membro del Consiglio più anziano per partecipazione all’Associazione. Le funzioni di segreteria sono svolte dal Segretario dell’Associazione o in casi di sua assenza o impedimento da persona designata da chi presiede la riunione. Le deliberazioni sono prese a maggioranza di voti; in caso di parità prevale il voto di chi presiede.

Delle deliberazioni stesse sarà redatto verbale sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.


TESORIERE E SEGRETARIO

Articolo 19

Al Tesoriere spetta il compito di tenere e aggiornare i libri contabili con scritture che descrivano con completezza ed analiticità le operazioni poste in essere nel periodo di gestione e di predisporre il bilancio dell’Associazione. Su indicazione del Consiglio o del Presidente effettua i pagamenti e gli incassi per conto dell’Associazione.

Tutti gli altri libri, tra cui il libro dei soci, vengono tenuti ed aggiornati dal Segretario.

Al Segretario spetta il compito di organizzare le riunioni del Consiglio Direttivo, di stilare i verbali, di tenere i rapporti con i soci e di monitorare i rapporti con le articolazioni territoriali associative.


PRESIDENTE

Articolo 20

Il Presidente è eletto dall’Assemblea, dura in carica quattro anni e può essere rieletto. La prima nomina è ratificata nell’atto costitutivo. Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’Associazione nei confronti dei terzi e presiede le adunanze del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dei soci.

Il Presidente assume, nell’interesse dell’Associazione, tutti i provvedimenti, ancorché ricadenti nella competenza del Consiglio Direttivo nel caso ricorrano motivi d’urgenza e si obbliga a riferirne allo stesso in occasione della prima adunanza utile.

Il Presidente ha i poteri della normale gestione ordinaria dell’Associazione e gli potranno essere delegati altresì eventuali poteri, previa deliberazione del Consiglio Direttivo, anche di straordinaria amministrazione.

In particolare compete al Presidente:

  • predisporre le linee generali del programma delle attività annuali ed a medio termine dell’Associazione;
  • redigere la relazione consuntiva annuale sull’attività dell’Associazione; vigilare sulle strutture e sui servizi dell’Associazione;
  • determinare i criteri organizzativi che garantiscano efficienza, efficacia, funzionalità e puntuale individuazione delle opportunità ed esigenze per l’Associazione e gli associati;
  • emanare i regolamenti interni degli organi e strutture dell’Associazione;
  • provvedere all’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo;
  • può autorizzare le spese di ordinaria amministrazione inferiori al valore di 700€.

Il Presidente può essere delegato dal Consiglio Direttivo ad aprire conti correnti bancari e postali e operare sugli stessi; compiere ordinarie operazioni finanziarie e bancarie, effettuare pagamenti, ivi inclusi i pagamenti di salari e stipendi ai dipendenti oltre i limi di spesa assegnatigli; può eseguire inoltre incassi da uffici, enti, persone fisiche e giuridiche, rilasciando quietanze.

Per le operazioni bancarie e finanziarie il Consiglio può richiedere la firma abbinata di altro componente del Consiglio Direttivo. Per i casi d’indisponibilità ovvero d’assenza o di qualsiasi altro impedimento del Presidente lo stesso è sostituito dal Vicepresidente.

Il Presidente può essere rimosso dal suo incarico con deliberazione di almeno il 60% dei soci su proposta del Consiglio Direttivo.


COLLEGIO DEI PROBIVIRI ‐ COLLEGIO DEI REVISORI

Articolo 21

L’Assemblea, qualora lo ritenga opportuno, può eleggere:

  • un Collegio di Probiviri, in numero massimo di tre, che dura in carica quattro anni, in coerenza temporale con i termini previsti per la durata del Consiglio e comunque fino alla scadenza dello stesso, cui demandare secondo modalità da stabilirsi, la vigilanza sulle attività dell’Associazione e la risoluzione delle controversie che dovessero insorgere tra gli associati. Le deliberazioni del Collegio dei Probiviri sono
  • un Collegio dei Revisori, composto da tre membri effettivi e due supplenti. Il Collegio dei Revisori è nominato dall’Assemblea e dura in carica quattro anni. Il Collegio ha il compito di partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea, verificare e controllare l’operato del Consiglio Direttivo, e l’operato dell’Associazione per verificarne la rispondenza agli scopi statutari ed alla normativa vigente. I controlli sono trascritti su apposito libro. Il collegio potrà altresì indirizzare al Presidente ed ai membri del Consiglio Direttivo le raccomandazioni che riterrà utili al fine di permettere il miglior assolvimento dei compiti loro assegnati nel rispetto delle norme e dello Il compenso ai membri del collegio dei revisori, se esterni all’Associazione, è determinato dal Consiglio Direttivo nel rispetto della legislazione vigente.

ESERCIZIO SOCIALE

Articolo 22

“Gli esercizi sociali hanno inizio il 1° gennaio e si chiudono il 31 dicembre. Con la chiusura dell’esercizio verrà redatto il bilancio annuale dal quale risulteranno i beni, i contributi ed i lasciti ricevuti. Il bilancio annuale sarà rappresentato a norma e nei termini di legge. Il rendiconto gestionale dovrà indicare tipologia e qualità delle risorse sia in entrata che in uscita. Le varie voci di bilancio saranno illustrate da una relazione sulla gestione a cura del Consiglio Direttivo. Il suddetto bilancio dovrà essere presentato all’Assemblea per l’approvazione entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.”


SCIOGLIMENTO

Articolo 23

In caso di scioglimento il patrimonio dell’Associazione non potrà essere diviso tra i soci ma, su proposta del Consiglio Direttivo approvata dall’Assemblea, sarà interamente devoluto ad altre associazioni di volontariato operanti in identico o analogo settore.


NORME FINALI

Articolo 24

Per quanto non contenuto nel presente statuto, valgono le norme ed i principi del codice civile e delle vigenti norme di legge. Con regolamento interno approvato dall’Assemblea potranno essere emanate, se necessario, le firme di esecuzione del presente statuto. 

 

Roma, 11 aprile 2019

 

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art.13 del Regolamento (UE) 2016/679

L’associazione di promozione sociale iKairos nella qualità di Titolare del trattamento dei Suoi dati personali, identificativi e non sensibili, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 cioè GDPR, con la presente La informa che la citata normativa prevede la tutela degli interessati rispetto al trattamento dei
dati personali e che tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. I Suoi dati personali verranno trattati in accordo alle disposizioni legislative della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ivi previsti.

Alcune definizioni principali
Il «dato personale» è qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile («interessato»); si considera identificabile la persona fisica che può essere identificata, direttamente o indirettamente, con particolare riferimento a un identificativo come il nome, un numero di identificazione,
dati relativi all’ubicazione, un identificativo online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica, culturale o sociale.
Il «trattamento» è qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l’ausilio di processi automatizzati applicate a dati personali, quali la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l’adattamento, la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la
comunicazione mediante trasmissione, la diffusione, la messa a disposizione, il raffronto, l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione, la distruzione.
Il «Titolare del trattamento» è la persona giuridica che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali.
Il «Responsabile del Trattamento» è la persona fisica o giuridica che tratta i dati personali per conto del Titolare del trattamento.
Il «consenso» dell’interessato è la manifestazione di volontà libera, specifica, informata e inequivocabile dell’interessato, con la quale lo stesso manifesta il proprio assenso, mediante dichiarazione o azione positiva inequivocabile, affinché i dati personali che lo riguardano siano oggetto di trattamento.
Per «marketing» si intende l’espletamento delle attività a carattere commerciale, pubblicitario e promozionale, quale ad esempio in maniera non esaustiva l’invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta, il compimento di ricerche di mercato o la comunicazione commerciale, o le attività promozionali svolte nell’ambito di eventi e manifestazioni a premio promosse da iKairos.
La «profilazione» è il trattamento con mezzi informatici e automatizzati consistente nell’utilizzo di tali dati personali per valutare determinati aspetti personali, la situazione economica, le preferenze personali, gli interessi, l’affidabilità nei pagamenti, il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti della persona fisica.

Finalità del trattamento
I dati personali forniti dall’Interessato e/o acquisiti in fase di contatto, di adesione o associazione saranno trattati da iKairos per dar corso alla richiesta dell’Interessato e/o per eseguire i conseguenti sviluppi del rapporto associativo attivato con l’Interessato o per adempiere a sue specifiche richieste, per
l’adempimento di obblighi di legge nonché per le attività connesse e strumentali alla gestione rapporto/i, ivi compresi i rapporti relativi ad eventuali servizi e/o prodotti richiesti dall’Interessato.
Per finalità amministrativo-contabili, senza il consenso dell’Interessato e salva la sua opposizione, iKairos potrà comunicare i dati personali a Società di consulenza appositamente nominata Responsabile dei conseguenti trattamenti.
I trattamenti effettuati per finalità amministrativo-contabili sono quelli connessi allo svolgimento delle attività di natura organizzativa, amministrativa e contabile, a prescindere dalla natura dei dati trattati – in particolare: attività organizzative interne, quelle funzionali all’esecuzione degli adempimenti previsti, alla gestione del rapporto in tutte le sue fasi, alla tenuta della contabilità e all’applicazione delle norme vigenti.
In via esemplificativa e non esaustiva i trattamenti sopra elencati potranno essere effettuati per lo
svolgimento di:
– Attività formativa
– Attività inerente alla costituzione della Piattaforma di Mentoring
– Adempimenti obbligatori per legge in campo fiscale e contabile
– Assistenza post iscrizione
– Attività organizzative funzionali alla gestione dei contatti, all’adesione ed all’associazione
– Gestione del contenzioso
– Gestione degli associati
– Programmazione/svolgimento delle attività statutarie
– Mantenimento dello Storico dei contatti, degli aderenti e degli associati
– Aggiornamento informativo periodico
Il trattamento dei dati funzionali per l’espletamento di tali obblighi è necessario per una corretta gestione del rapporto tra Titolare e Socio e il loro conferimento è obbligatorio per attuare le finalità sopra indicate. Il Titolare rende noto, inoltre, che l’eventuale non comunicazione, o comunicazione errata, di una delle informazioni obbligatorie, può causare l’impossibilità per il del Titolare di garantire la congruità del trattamento stesso.
I suddetti dati personali potrebbero essere trattati da iKairos, senza il consenso dell’Interessato e salva la sua opposizione, per finalità di elaborazione di un indicatore sintetico/numerico rappresentativo dell’utilizzo/possesso dei vari servizi eventualmente riferito all’Interessato, al fine di fornire una consulenza
personalizzata nell’ambito dei servizi di volta in volta richiesti.
iKairos potrà utilizzare, senza il consenso dell’Interessato e salva la sua opposizione, i recapiti di posta elettronica e di posta cartacea dallo stesso forniti nel corso del rapporto, per inviare proprio materiale informativo e promozionale nella materia dedicata.
iKairos potrà, altresì, utilizzare, senza il consenso dell’Interessato e salva la sua opposizione, i dati personali per la partecipazione a sondaggi di qualità sulla fornitura dei servizi offerti quale attività di preminente interesse generale.
Inoltre, i dati personali saranno trattati da iKairos – con lo specifico consenso dell’Interessato, di natura facoltativa e revocabile in qualsiasi momento – per le seguenti ulteriori finalità:
1) per comunicazioni a carattere promozionale, dei servizi di iKairos e/o delle società od Associazioni con le quali il Titolare ha definito specifiche convenzioni, mediante l’impiego del telefono e della posta cartacea, nonché mediante sistemi automatizzati di chiamata senza l’intervento di un operatore e mediante posta
elettronica, telefax, messaggi del tipo SMS, MMS, o di altro tipo -oltreché mediante altri canali come ad esempio le aree riservate dei siti di iKairos e/o i canali social– e inoltre, con gli stessi mezzi, per indagini statistiche volte anche alla rilevazione del grado di soddisfazione degli associati sulla qualità dei servizi
offerti;
2) per svolgere attività di profilazione consistente nell’individuazione di preferenze, gusti, abitudini, necessità e scelte di orientamento e nella definizione del profilo dell’Interessato, in modo da soddisfare le esigenze dell’Interessato medesimo, nonché per effettuare, previo lo specifico consenso di cui ai punti 1
e/o 2, comunicazioni a carattere promozionale personalizzate, con i mezzi indicati ai precedenti punti 1 e 2;
3) iKairos tratterà i dati personali dell’Interessato conformemente al consenso da questi prestato, per le finalità suindicate, in fase di contatto con l’Associazione, alla adesione al networking e/o all’Associazione.

Modalità del trattamento
Il trattamento dei Vostri dati personali è realizzato per mezzo delle operazioni indicate all’art. 4 Codice Privacy e all’art. 4 n. 2) GDPR e precisamente: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione,
blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati.
I Vostri dati personali sono sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e/o automatizzato nei
seguenti modi:
– Raccolta di dati tramite moduli di iscrizione o adesione ovvero conferiti in occasione di incontri divulgativi/formazione od eventi
– Trattamento a mezzo di sistemi di elaborazione elettronica
– Trattamento manuale a mezzo di archivi cartacei

Comunicazione
I suoi dati saranno comunicati in maniera limitata solo a soggetti competenti e debitamente nominati per l’espletamento dei servizi necessari ad una corretta gestione del rapporto, con garanzia di tutela dei diritti dell’interessato ed in assoluta riservatezza.
I suoi dati saranno trattati unicamente da personale adeguatamente formato ed autorizzato dal Titolare ed, in particolare, dalle seguenti categorie di addetti al trattamento:
Direzione
– Ufficio amministrazione
– Ufficio segreteria
– Consiglio Direttivo
– Gruppi territoriali
I suoi dati potranno essere comunicati a terzi debitamente nominati Responsabili al trattamento, e solo quando strettamente necessario, in particolare a:
– Autorità
– Amministrazioni pubbliche
– Forze di polizia
– Consulenti e liberi professionisti, anche in forma associata

Diffusione e trasferimento
I suoi dati personali non verranno diffusi in alcun modo.
I suoi dati personali potranno inoltre essere trasferiti, limitatamente alle finalità sopra riportate, nei Paesi dell’UE.
Periodo di Conservazione Le segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai
sensi dell’art. 5 del GDPR, il periodo di conservazione dei Suoi dati personali, dopo la cessazione del rapporto associativo è di 5-10 anni
– visti gli art. 2948 codice civile che prevede la prescrizione di 5 anni per i pagamenti periodici;
– art. 2220 codice civile che prevede la conservazione per 10 anni delle scritture contabili;
– art. 22 del D.P.R. 29 Settembre 1973, n.600.

Misure di sicurezza
Tenendo conto dello stato dell’arte e dei costi di attuazione, nonché della natura, dell’oggetto, del contesto e delle finalità del trattamento, come anche del rischio di varia probabilità e gravità per i diritti e le libertà delle persone fisiche, il titolare del trattamento e il responsabile del trattamento mettono in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire un livello di sicurezza adeguato ai rischi di perdita, abuso o alterazione connessi al trattamento. In particolare: ha adottato le misure di cui agli artt. 32-34 Codice Privacy e all’art. 32 GDPR; utilizza il protocollo protetto di trasmissione dei dati noti come
HTTPS; rispetta gli Standard ISO/IEC 27000, WG3 E WG4.

Diritti dell’Interessato
L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
– dell’origine dei dati personali;
– delle finalità e modalità del trattamento;
– della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
– degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi
dell’articolo 5, comma 2;
– dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

L’interessato ha diritto di ottenere:
– l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
– la cancellazione, la limitazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
– l’attestazione che le operazioni di cui ai punti sopra elencati siano state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
– la portabilità dei dati.

L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
– per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
– al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale per esercitare i propri diritti o per ottenere le informazioni relative all’eventuale trasferimento dei Suoi dati verso un Paese terzo, potrà formulare espressa richiesta scritta da inviarsi all’Associazione di promozione sociale iKairos, Piazza Ippolito Nievo 1, 00153 Roma, o inoltrare una richiesta all’indirizzo di posta elettronica: info@iKairos.it

Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale, Lei ha il diritto di proporre reclamo a un’Autorità di controllo, qualora ritenga che il trattamento che La riguarda violi il GDPR.

Titolare e Responsabile del trattamento
Titolare del trattamento dei dati personali è: Associazione di promozione sociale iKairos, Piazza Ippolito
Nievo 1, 00153 Roma – Italia
@mail: info@iKairos.it